Rete PAD Paesaggi archeologici diffusi

Chi siamo

Le scoperte archeologiche fatte nel territorio bergamasco – tra la val Cavallina e il lago d’Iseo, lungo strade che conducono alla val Borlezza, alla val Seriana e alla valle Camonica, hanno restituito l’immagine di un territorio complesso e stratificato.

L’allora Soprintendenza Archeologica della Lombardia ha avviato, dal 2013, un progetto di valorizzazione in cui i luoghi sono diventati parte integrante di un nuovo paesaggio culturale.

La Rete PAD promuove percorsi condivisi di conoscenza, accessibili a tutti, alla scoperta di questo territorio.

I luoghi da visitare

Casazza - Area archeologica Cavellas

Nell’area archeologica è possibile passeggiare all’interno di un antico abitato, che ci è stato consegnato sigillato sotto oltre quattro metri di detriti. Un’occasione unica per scoprire la vita quotidiana in un villaggio di età romana.

Lovere - Accademia di belle arti Tadini

Nel 1828 il conte Luigi Tadini apre al pubblico la Galleria, allestita nel palazzo che si affaccia sul lungolago di Lovere, per esporre la sua collezione di opere d’arte.

Lovere - Il Castelliere

Situato alle pendici del Monte Cala, il cosiddetto “Castelliere” è stato recentemente interpretato come una struttura militare, sullo sfondo della campagna militare condotta da Pandolfo Malatesta nel 1414 per consolidare il suo dominio su questi territori.

Lovere - La necropoli romana di via Martinoli

In via Martinoli, lungo l’antica via che in uscita dal centro abitato conduceva verso la Val Camonica, sono state rinvenute numerose sepolture che aiutano a conoscere la vita di un approdo in riva al lago tra il I e il IV sec. d.C.

Parre - Oppidum degli e Orobi e Antiquarium

A Parre, presso il Parco archeologico sono visibili, in una cornice paesaggistica molto suggestiva, i resti dell’abitato dell’antica Parra, importante centro (oppidum) degli Orobi, citato dalle fonti romane e attivo dall’XI secolo a.C. all’età tardo romana (V sec. d.C.).

Predore - Impianto termale della villa romana

A Predore tra il I secolo a.C. e il IV secolo d.C. era attiva una grande villa, decorata con mosaici e affreschi e dotata di impianto termale, situata in posizione scenografica sul lago d’Iseo, circondata da fichi e ulivi. L’area archeologica permette la visita all’impianto termale.

Sovere - Area del Santuario della Madonna della Torre

Negli ultimi cinquant’anni quest’area, caratterizzata dalla presenza del bellissimo santuario di Santa Maria della Torre, è stata teatro di ritrovamenti riconducibili a un abitato di età protostorica e a strutture di età romana, che testimoniano il ruolo di Sovere come nodo di transito dalla Valle Seriana al Lago d’Iseo.

Sovere - Parco dei laghi fossili

Il sito, conosciuto come “archivio naturale di Pianico-Sèllere”, racconta una storia lunga 45000 anni dell’ambiente e del clima nelle Alpi: qui tra circa 800 e 755 mila anni fa si formò un profondo lago che conserva un eccezionale deposito costituito da foglie e pollini fossili.

Attività per le famiglie

Le nostre porte sono aperte anche alle famiglie che vogliono vivere concretamente la scoperta dell’antico attraverso percorsi e laboratori di apprendimento che rendono l’esperienza indimenticabile.

Attività didattiche per le scuole

I nostri siti sono visitabili da gruppi scolastici che vogliono immergersi per una giornata intera nel magnifico mondo antico, giocando, sperimentando, divertendosi e imparando.

 


Il progetto loan box

Porta in classe la storia! La “Loan Box” è un progetto didattico che mette a disposizione delle scuole vere e proprie scatole contenenti riproduzioni fedeli di reperti archeologici che permettono ai ragazzi di toccare con mano la cultura che ci ha preceduto.